Vai ai contenuti

icona scai

Frutta nelle scuole

Tabelle di composizione degli alimenti

 Linee Guida per una sana alimenzazione

Link esterno>> Sapermangiare.mobi

educazione alimentare e del gusto

Link 
esterno>> Sapermangiare.mobi
 Link  interno>> Dai geni ai semi
Sviluppo di sistemi foraggero-zootecnici mediterranei determinanti qualità specifiche nei prodotti di origine animale (Mezoo)

Responsabile del progetto: Laura Pizzoferrato

 

L’attività è inserita nell’Azione 1 “Evoluzione sostenibile del sistema foraggero-zootecnico a sostegno della bufala in lattazione” del progetto MEZOO.

Obiettivo della ricerca è la valutazione dell’adeguatezza nutrizionale e dell’apporto di componenti funzionali di prodotti bufalini (latte e mozzarella) ottenuti da animali alimentati con razioni sperimentali appositamente studiate per il miglioramento della funzionalità e dell’efficienza dei sistemi foraggero-zootecnici.

Nel corso del progetto, a cura delle Unità Operative competenti per le coltivazioni foraggere e per l’allevamento animale, sono state realizzate le seguenti sperimentazioni:

  • Dieta a base di insilato di mais confrontata con dieta a prevalenza di insilato di sorgo (due sperimentazioni nei periodi aprile-agosto e ottobre-aprile)
  • Dieta a base di fieno di medica confrontata con dieta a prevalenza di fasciato di loietto (periodo marzo-agosto)
  • Dieta a base di insilato di mais confrontata con dieta a prevalenza di fasciato di loietto (due sperimentazioni nei periodi ottobre-marzo e marzo-luglio)
  • Dieta a base di soia confrontata con dieta a base di pisello e favino (periodo luglio-dicembre).

Sono stati studiati, attraverso l’impiego di specifici parametri già individuati nel corso di precedenti ricerche, gli effetti delle diverse tecniche di allevamento sulla qualità dei prodotti (latte e mozzarella) prelevati con calendari e tecniche di campionamento controllati.

L’esame dei dati sperimentali ha confermato l’importanza del tempo di lattazione e della stagione sulla qualità dei prodotti bufalini, particolarmente pregevoli con il procedere della lattazione e in primavera. Limitatamente ai risultati ottenuti, la possibilità di sostituire le tradizionali razioni alimentari a base di mais o di soia con altri foraggi compatibili con la disponibilità di terreni non irrigui, sembra realistica.

Partecipanti alla ricerca

Collaborazioni esterne

  • A.Borghese, C.Tripaldi, Centro di Ricerca per la Produzione delle Carni e Miglioramento Genetico di Monterotondo (RM)
  • G.Pirlo, Istituto Sperimentale per la Zootecnia, Cremona
  • R.Rubino, Istituto Sperimentale per la Zootecnia, Potenza
  • P.Martiniello, Istituto Sperimentale per le Colture Foraggere, Foggia
  • C.Pacelli, Dipartimento di Scienze delle Produzioni Animali, Università degli Studi della Basilicata, Potenza

CREA

Centro di Ricerca

per gli Alimenti e la Nutrizione

Via Ardeatina 546 - 00178 Roma

Tel.: +39 06 51494.1

Fax: +39 06 51494550

Copyright © INRAN 2009