Vai ai contenuti

icona scai

Frutta nelle scuole

Tabelle di composizione degli alimenti

 Linee Guida per una sana alimenzazione

Link esterno>> Sapermangiare.mobi

educazione alimentare e del gusto

Link 
esterno>> Sapermangiare.mobi
 Link  interno>> Dai geni ai semi
Caratteristiche funzionali della lattoferrina componente naturale, additivo alimentare e costituente di imballaggi "intelligenti"

WP5 del progetto FINALE QUALIFU

 

 

Responsabili del progetto: NorbertoRoveri, Laura Pizzoferrato

 

La lattoferrina è una glicoproteina antimicrobica, antivirale, antifungina, immunomodulante antitumorale, antinfiammatoria e in grado di chelare il ferro, contenuta soprattutto nel colostro e nel siero di latte. Alcuni studi sono stati effettuati relativamente alla possibilità di utilizzare il siero di latte, sottoprodotto dell’industria casearia con un elevato potere inquinante, per ottenere nuovi prodotti funzionali con elevato valore aggiunto. Molto poco è invece stato fatto sulla possibilità di impiegare la lattoferrina isolata come ingrediente alimentare o come parte di film di copertura di porzioni alimentari. Il progetto riguarda specificatamente questi aspetti.

In particolare si studierà l’interazione tra lattoferrina e idrossiapatite. Utilizzando diverse metodologie di sintesi saranno testate differenti idrossiapatiti biomimetiche che varieranno per dimensione, cristallinità, area superficiale, rapporto Ca/P superficiale. Queste proprietà andranno ad influenzare l’adesione ed il rilascio della proteina. Si valuterà inoltre la possibilità di impiegare altri substrati polimerici. e materiali inorganici biogenici. Attraverso l’uso di tecniche spettroscopiche (UV-Vis e FT-IR), diffrattometriche (DRX), termogravimetriche (TGA e DSC), microscopiche (SEM, TEM e AFM) e superficiali (BET, XPS), si andrà a studiare inoltre se i substrati inorganici e polimerici possano modificare la conformazione della lattoferrina in modo da variarne le proprietà antimicrobiche e antivirali.

L’attività sarà articolata come segue:

  • studio delle possibili interazioni tra la lattoferrina e l’idrossiapatite e altri substrati polimerici ed inorganici presi in considerazione per la realizzazione di nuovi materiali per l’imballaggio funzionalizzati superficialmente.
  • studio dell’attività antisettica e antiossidante delle matrici polimeriche e composite con test biochimici su ceppi batterici specifici e mediante l’utilizzo di processi ossidativi naturali.

Il Progetto rientra nel finanziamento del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, D.M. 2087/7303/09 del 28/01/2009.

Link: http://www.lebsc.unibo.it

Partecipanti alla ricerca

Collaborazioni esterne

  • N.Roveri LEBSC-UNIBO

CREA

Centro di Ricerca

per gli Alimenti e la Nutrizione

Via Ardeatina 546 - 00178 Roma

Tel.: +39 06 51494.1

Fax: +39 06 51494550

Copyright © INRAN 2009