Vai ai contenuti

prog_mengheri_9_250.jpg

 

prog_mengheri_10_250.jpg

 

prog_mengheri_11_250.jpg

icona scai

Frutta nelle scuole

Tabelle di composizione degli alimenti

 Linee Guida per una sana alimenzazione

Link esterno>> Sapermangiare.mobi

educazione alimentare e del gusto

Link 
esterno>> Sapermangiare.mobi
 Link  interno>> Dai geni ai semi
Valutazione dell'attivitą immunomodulatoria di una miscela di ceppi probiotici, Bar 33 e Bar 13, e loro effetti protettivi verso la colite sperimentale indotta in un modello murino: studi di approfondimento e ampliamento

Responsabile: E. Mengheri

 

E’ di estremo interesse identificare nuovi ceppi con attività probiotica e capirne i meccanismi di azione che ancora sono poco chiari, per poter infine dare indicazioni più appropriate sul consumo di prodotti naturalmente ricchi o addizionati in tali probiotici. Lo scopo del progetto è verificare l’attività protettiva di alcuni probiotici nell’infiammazione intestinale, e capire se questa protezione avviene attraverso regolazione del sistema immunitario a livello intestinale e periferico, utilizzando un modello murino con infiammazione intestinale indotta sperimentalmente dall’acido trinitrobenzensulfonico, per mimare la colite umana. I risultati della ricerca finora hanno messo in evidenza un chiaro effetto protettivo da parte delle due miscele di probiotici utilizzati, ossia una miscela di Lactobacillus acidophilus e Bifidobacterium longum e una miscela di Lactobacillus plantarum, Streptococcus thermophilus e Bifidobacterium lactis, e la prima è risultata più efficace. I risultati hanno mostrato inoltre un coinvolgimento di alcune sottopopolazioni dei linfociti intraepiteliali. Gli studi stanno proseguendo per capire se l’attività protettiva dei probiotici si esplica attraverso regolazione delle cellule T regolatorie in grado di svolgere un attività soppressoria sulla risposta immunitaria, in particolare T reg e/o Tr1 del sangue e dei distretti intestinali, ossia nei linfociti intraepiteliali e della lamina propria. Inoltre sarà verificato se i meccanismi di regolazione da parte dei probiotici comprendono anche induzione di apoptosi.

Partecipanti

Collaborazioni esterne

  • Patrizia Brigidi, Università di Bologna, Dip. Scienze Farmaceutiche
  • Paola Carnevali, Ditta Barilla, Parma

CREA

Centro di Ricerca

per gli Alimenti e la Nutrizione

Via Ardeatina 546 - 00178 Roma

Tel.: +39 06 51494.1

Fax: +39 06 51494550

Copyright © INRAN 2009