Torna alla pagina
Studio di biomarcatori di stato vitaminico idrosolubile e funzionale

WP 4 in “Impronta Digitale Funzionale” (IDF) in “QUALIFU”

 

 

Responsabile scientifico: S.Ruggeri

 

La strategia della fortificazione obbligatoria con acido folico di sfarinati di cereali ai fini di ridurre l’incidenza di alcuni difetti congeniti adottata da circa 40 paesi nel mondo, sta provocando un vivace dibattito. Alcuni studi evidenziano che tale scelta, potrebbe portare nel lungo periodo a problemi di mascheramento di carenze di B12 negli anziani e ad una modifica delle attività enzimatiche legate al metabolismo dei folati con conseguenti alterazioni dell’espressione genica. I paesi dell’area mediterranea sono caratterizzati da una forte disponibilità e da un consumo elevato di alimenti naturalmente ricchi in folati, ma i dati disponibili sul contenuto e sulle forme presenti nei nostri prodotti sono ancora frammentari e pochi studi sistematici sono stati affrontati ad oggi per verificare gli effetti di diversi trattamenti tecnologici. Per far fronte “all’avanzata” della fortificazione obbligatoria, è’ necessario costruire una risposta italiana.

Tale risposta dovrebbe individuare gli alimenti più “efficaci” nel migliorare lo stato di salute dell’organismo e arrivare a proporre alcuni alimenti come “base” per la prevenzione di alcune patologie congenite, in alternativa ai composti sintetici aggiunti nella dieta come fortificanti o come supplementi.

Il progetto si propone uno studio dei livelli e delle forme dei folati negli alimenti tipici della dieta mediterranea e a maggior consumo in Italia con lo scopo di individuare i trattamenti tecnologici più conservativi sul contenuto e delle forme attive dei folati. Inoltre verrà valutata la funzionalità antiossidante dei folati negli alimenti selezionati per lo studio. In collaborazione con altre unità operative verranno poi valutati i livelli di folati plasmatici ed eritrocitari in studi volti alla valutazione del potenziale antiossidante in vivo di alcuni alimenti.

Partecipanti alla ricerca