Torna alla pagina
Sicurezza agroalimentare: protocolli diagnostici ed innovazione tecnologica per il benessere e la prevenzione delle malattie (Safe-eat)

Responsabile scientifico: Fabio Virgili

 

Il progetto Safe-eat è un progetto speciale del MiUR (FISR) che ha una base triennale, (2006-2009) e che si propone lo sviluppo di metodi e sistemi per la valutazione del livello di sicurezza nella catena agro-alimentare e nell’ambiente. E’ un progetto strategico nazionale estremamente articolato che copre i diversi aspetti della sicurezza alimentare. Il progetto affronta la rilevazione di contaminazioni biotiche attraverso lo sviluppo di metodologie analitiche originali d’avanguardia, e la valutazione del livello di componenti transgeniche negli alimenti. Parallelamente è proposto lo studio di protocolli innovativi per la tracciabilità di diversi alimenti di origine vegetale ed animale e la valutazione della ricaduta indiretta sulla salute del consumatore. Una parte del progetto è infine indirizzata allo studio degli aspetti tecnologici legati alla conservazione delle potenzialità nutrizionali di diversi alimenti. Il progetto coinvolge 5 diverse Unità Operative che vengono considerate centri di eccellenza nelle specifiche attività di ricerca sparse sul territorio nazionale.

Gli obiettivi specifici del progetto sono:

  1. Studio e definizione di metodologie per la valutazione della sicurezza d’uso, del valore nutrizionale e del contenuto di antinutrienti.
  2.  Valorizzazione del ruolo dell’alimentazione come fattore di benessere e prevenzione.
  3. Definizione di marcatori e protocolli per l’identificazione di componenti ed ingredienti e per la tracciabilità dei prodotti agro-alimentari.

Durata del progetto2006-2012

Partecipanti alla ricerca